skip to Main Content

Est Europa_EP Febbraio 2024

Est Europa_Education Program Febbraio 2024

Trieste Film Festival: Europa centro orientale. In questo territorio multiforme di scoperta si celano storie e filmografie molto differenti tra loro, ma tutte capaci di instaurare un dialogo critico e fertile sia con il quotidiano che con la memoria storica, senza rinunciare alle più vertiginose forme di sperimentalismo e di riflessione sulle immagini. Nei tre percorsi di questo mese si alternano allora i maestri del passato e gli autori più rilevanti del contemporaneo, questi ultimi ormai presenza sempre più rilevante nei programmi e nei palmarès dei principali festival internazionali. Dalla fondamentale new wave del cinema rumeno alle importanti derivazioni della grande tradizione polacca, dai nuovi grandi nomi del cinema russo e di quello ungherese ad altre figure di spicco provenienti da Slovenia, Macedonia, Bosnia: il cinema d’autore più importante del mondo, oggi, si trova qui.

Class Enemy
di Rok Biček, 2013
P3064

In seguito al suicidio di una studentessa, alcuni ragazzi si ribellano ai metodi di un professore tirannico, scatenando una guerra fatta di conflitti etnici e generazionali.

Il figlio di Saul
di László Nemes, 2015
D3528

Il prigioniero di un campo di concentramento, costretto ad assistere i nazisti nei loro piani di sterminio, intraprende una missione impossibile allo scopo di redimersi.

Il ritratto negato
di Andrzej Wajda, 2016
D3982

Nella Polonia post bellica, il pittore Wladyslaw Strzeminski, tra i fondatori dell’Unismo, deve quotidianamente scontrarsi con i propri problemi di salute, le autorità universitarie, il Ministro della Cultura e lo stesso Partito Socialista.

Un padre, una figlia
di Cristian Mungiu, 2016
D3523

Un padre progetta di vendicarsi personalmente sull’uomo che ha aggredito la figlia, ma nel farlo rischia di tradire i principi che ha sempre cercato di insegnarle.

Cold War
di Paweł Pawlikoski, 2018
D3464

Sullo sfondo della guerra fredda degli anni Cinquanta in Polonia, due persone di diversa estrazione sociale e temperamento iniziano una burrascosa e appassionata storia d’amore.

Un’altra vita – Mug
di Malgorzata Szumowska, 2018
D3486

Jacek ama l’heavy metal, la sua fidanzata e il suo cane. Tutti lo considerano un tipo bizzarro. Mentre lavora nel cantiere di quella che dovrebbe diventare la più alta statua di Gesù Cristo al mondo, è vittima di un grave incidente che lo sfigura. Quali saranno le conseguenze?

Dio è donna e si chiama Petrunya
di Teona Strugar Mitevska, 2019
D3864 + BR0311

Durante una festa religiosa, gli uomini di una piccola città della Macedonia competono per trovare una croce, gettata in acqua dal prete. Quest’anno, però, è una donna di nome Petrunya a trovarla, facendo infuriare la comunità maschile.

LGBT_Italia_Site Icon

LGBTQIA+_Italia arcobaleno Giugno 2024

Site IconLGBT_Novita_

LGBTQIA+_Novità Giugno 2024

Consigli_EP_Classici_ICON

Education Program_Classici Maggio 2024

Consigli-Social_EP_EP_ICON

Education Program_EP Maggio 2024

Back To Top
×Close search
Cerca