skip to Main Content
TYPOS, Mostra-evento In Memoria Del “grafico Della Fantascienza”

TYPOS, mostra-evento in memoria del “grafico della fantascienza”

TYPOS, mostra-evento in memoria del “grafico della fantascienza”
Domenica 16 giugno, alle ore 18.30, inaugura la mostra alla Stazione Rogers. Più tardi un maxi concerto all’ Ausonia e poi altri due appuntamenti in settimana.
Dal 16 al 25 giugno Stazione Rogers ospita la mostra dei migliori lavori di Marco Stulle, grafico e fotografo triestino, scomparso improvvisamente quest’anno a soli quarant’anni. Conosciuto al grande pubblico soprattutto per le campagne di Science+Fiction, Festival Internazionale della Fantascienza, per la rivista Asimmetrie prodotta dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e per la campagna elettorale della lista “Trieste cambia”, Marco era artefice, spesso nell’ombra, di molti altri progetti ben noti alla città.
Nell’ambiente era conosciuto soprattutto per il suo amore per lo studio dei caratteri, che, come pochi grafici, disegnava in prima persona per i suoi lavori. Era affascinato dalla tipografia, intesa non solo come disegno delle lettere, ma anche come analisi del segno. Per questo motivo lo studio del carattere o addirittura il disegno di font, l’uso della segnaletica ed anche l’interesse per il gioco di parole erano sempre al centro del suo lavoro di grafico e di fotografo. “Questo interesse – spiega la sorella e socia Sara Stulle, presidente dell’associazione – ci ha spinti a scegliere il nome “Typos” sia per l’associazione che abbiamo creato in sua memoria, che per l’evento di quest’anno. Mentre in greco Typos significa lettera, tipo, matrice o forma, in inglese la parola si traduce come refuso tipografico, un errore del processo di montaggio delle lettere. Un’ambiguità che ci piaceva mantenere”.
Il 16 giugno, alle ore 18.30 la mostra apre ufficialmente le porte al pubblico mentre, alle 21.30, Typos si sposta allo Stabilimento Balneare Ausonia per un maxi concerto con cinque gruppi che si alterneranno sul palco per ricordare un uomo che era anche un chitarrista.
La mostra alla Rogers sarà aperta dal 16 al 25 giugno ogni giorno, dalle 16.00 alle 24.00. Inoltre, ancora due appuntamenti alla Rogers segneranno la settimana dedicata alla grafica: mercoledì 19 giugno alle ore 19.00 “Viola, voce del verbo violare”, una chiacchierata intorno al progetto del libro “Viola, cronache dal manicomio negato” con Claudio Ernè (curatore del libro), Peppe dell’Acqua (psichiatra) e Fabio Dorigo (giornalista).
Martedì 25 giugno, alle ore 19.00 “Grafica e scienza. Il caso Asimmetrie”, incontro con Roberto Duse (designer) e Andrea Vacchi (primo direttore editoriale della rivista Asimmetrie).
Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso gratuito.



Scarica qui il programma completo della manifestazione.

Back To Top
×Close search
Search