skip to Main Content
RASSEGNA: ARISTON ESTATE

RASSEGNA: ARISTON ESTATE

[table caption=”” width=”680″ colalign=”left|left|left|left|left”] ORARIO PROIEZIONI, , , ,
Mar 1 agosto,neruda,-,18.30,21.00
Mer 2 agosto,una vita (v.o. s/t),-,18.30,21.00
Gio 3 agosto,aspettando il re,-,18.30,21.00
Ven 4 agosto,loving,-,18.30,21.00
Sab 5 agosto,allied,-,18.30,21.00
Dom 6 agosto,sully,-,18.30,21.00
Lun 7 agosto,la morte corre sul fiume,-,18.30,21.00
Mar 8 agosto,elle,-,18.30,21.00
Mer 9 agosto,arrival,-,18.30,21.00
Gio 10 agosto,il cliente,-,18.30,21.00
Ven 11 agosto,moonlight,-,18.30,21.00
Sab 12 agosto,captain fantastic,-,18.30,21.00
Dom 13 agosto,lion – la strada verso casa,-,18.30,21.00
Lun 14 agosto,cafè society,-,18.30,21.00
[/table]

 


martedì 1 agosto ore 18.30 e 21.00


NERUDA di Pablo Larraín
Argentina, Cile, Spagna, Francia, 2016,107′


con Gael García Bernal, Luis Gnecco, Mercedes Morán Pablo Derqui


È il 1948 e la Guerra Fredda è arrivata anche in Cile. Al congresso, il Senatore Pablo Neruda accusa il governo di tradire il Partito Comunista e rapidamente viene messo sotto accusa dal Presidente Gonzalez Videla. Il Prefetto della Polizia, Oscar Peluchonneau, viene incaricato di arrestare il poeta.
Neruda tenta di scappare dal paese assieme alla moglie, la pittrice Delia del Carril, e i due sono costretti a nascondersi. Traendo ispirazione dai drammatici eventi della sua vita di fuggitivo, Neruda scrive la sua epica raccolta di poesie, “Canto General”, vedendo questa battaglia contro la sua nemesi Peluchonneau come un’opportunità per reinventare se stesso. Gioca con l’ispettore, lasciandogli indizi architettati per rendere più pericoloso e intimo il loro gioco tra ‘gatto e topo’. In questa vicenda del poeta perseguitato e del suo avversario implacabile, Neruda intravede la possibilità di diventare un simbolo di libertà, oltre che una leggenda della letteratura.



mercoledì 2 agosto ore 18.30 e 21.00


UNA VITA di Stéphane Brizé (Une vie)
Francia, Belgio, 2016, 119’


con Judith Chemla, Jean-Pierre Darroussin, Swann Arlaud, Yolande Moreau


Una vita, tratto dal primo romanzo di Guy De Maupassant, diretto da Stéphane Brizé (La legge del mercato) racconta l’esistenza di Jeanne, una giovane donna che nella Normandia del 1819 esce dal convento in cui ha studiato e abbandona i suoi sogni da bambina e la sua innocenza per sposare un visconte locale, Julien de Lamare. Mentre Julien si rivela il più infedele dei mariti, Jeanne affida ogni suo sentimento al figlio Paul, che crescendo si rivelerà più interessato al denaro che agli affetti.
“Jeanne non vuole, non può o non sa come far evolvere il suo concetto di vita. Questo la rende una persona speciale. È una creatura meravigliosa, rara, perché la sua mente è priva di secondi fini. Ciò detto, proprio l’aspetto che la rende tanto affascinante è al contempo la sua condanna”. (Stéphane Brizé)



giovedì 3 agosto ore 18.30 e 21.00


ASPETTANDO IL RE di Tom Tykwer (A Hologram for the King)
USA, Germania, Gran Bretagna, Francia, 2016, 98’


con Tom Hanks, Sarita Choudhury, Tom Skerritt, Tracey Fairaway, Jay Abdo


Tratto dal best seller di Dave Eggers, Aspettando il re racconta di Alan Clay, un uomo d’affari in crisi che per rimettersi in pista vola in Arabia Saudita nel tentativo di concludere con il re l’affare del secolo. Inizialmente disorientato da usanze locali incomprensibili ed estenuato dall’attesa del re che tarda a riceverlo, Alan cerca di portare avanti il suo progetto con l’aiuto di un bizzarro tassista e di una bravissima dottoressa di cui si innamora. Mano a mano che l’amicizia tra i tre si rafforza, le barriere culturali crollano e Alan comincia perfino a immaginare di ricominciare tutto da capo lì, dove tradizione e modernità si fondano in modo misterioso e affascinante.




venerdì 4 agosto ore 18.30 e 21.00


LOVING di Jeff Nichols
Gran Bretagna, USA, 2016, 123’


con Joel Edgerton, Ruth Negga, Alano Miller, Nick Kroll, Jon Bass


L’acclamato regista Jeff Nichols racconta la storia autentica di una coppia di sposi, Richard e Mildred Loving, interpretati da Joel Edgerton e Ruth Negga, divenuta celebre nell’America degli anni ’50  per essersi sottratti alle leggi della Virginia con un matrimonio interrazziale. I coniugi Loving, arrestati e condannati, non si arresero e affrontarono una battaglia legale di ben nove anni per il riconoscimento dei propri diritti civili e dello status di famiglia, creando un importante precedente giudiziario fondamentale per la legalizzazione dei matrimoni misti negli USA.



sabato 5 agosto ore 18.30 e 21.00


ALLIED – Un’ombra nascosta di Robert Zemeckis
USA, 2016, 147’


con Brad Pitt, Marion Cotillard, Jared Harris, Lizzy Caplan, Daniel Betts


Per gli agenti segreti della Seconda Guerra Mondiale Max Vatan e Marianne Beauséjour, la chiave per sopravvivere è non farsi mai veramente conoscere da nessuno. Sono degli esperti a ingannare, recitare un ruolo, anticipare le mosse e uccidere. Quando, nel bel mezzo di una missione straordinariamente rischiosa, senza volere si innamorano l’uno dell’altra, la loro unica speranza è lasciarsi alle spalle tutti i doppi-giochi. Quello che invece accade è che il sospetto e il pericolo diventano il fulcro del loro matrimonio in tempo di guerra, visto che marito e moglie vengono messi uno contro l’altra in un test di lealtà, identità e amore sempre più difficile e potenzialmente letale con conseguenze globali.



domenica 6 agosto ore 18.30 e 21.00


SULLY di Clint Eastwood
USA, 2016, 95’


con Tom Hanks, Aaron Eckhart, Laura Linney, Anna Gunn


Il 15 gennaio del 2009, il mondo assiste al “Miracolo sull’Hudson” quando il capitano “Sully” Sullenberger compie un ammaraggio d’emergenza col suo aereo nelle acque gelide del fiume Hudson, salvando la vita a tutti i 155 passeggeri presenti a bordo. Tuttavia, anche se Sully viene elogiato dall’opinione pubblica e dai media, considerando la sua come un’impresa eroica senza precedenti, alcune indagini sulla decisione presa, minacciano di distruggere la sua reputazione e la sua carriera.
“Chiunque sia in grado di prendere delle decisioni quando le cose vanno male, e che possa risolvere un problema senza farsi prendere dal panico, è una persona degna di esser rappresentata in un film. Ma per me, il vero conflitto è avvenuto dopo, quando vengono messe in discussione le sue decisioni malgrado abbia salvato tante vite”. (Clint Eastwood)



lunedì 7 agosto ore 18.30 e 21.00


LA MORTE CORRE SUL FIUME di Charles Laughton (The Night of the Hunter)
USA, 1955, 93’


con Robert Mitchum, Shelley Winters, Lillian Gish, Peter Graves


Capolavoro segreto del cinema americano, fonte di ispirazione per Scorsese, Malick e mille altri, l’unica regia di Charles Laughton è una fiaba gotica vista dagli occhi di due bambini. Favola oscura, fotografata in un bianco e nero espressionista e visionario, che regala a Robert Mitchum uno dei più grandi personaggi della sua carriera, quello del sinistro predicatore che incombe come un orco sui due piccoli protagonisti indifesi. Un film unico e irripetibile, considerato tale fin dal suo apparire (così la giudicava Truffaut nella sua pronta e acuta recensione), come se fosse destino che lo stesso Laughton non avrebbe più osato sfidare tanta perfezione. Un film, che come nessun altro ha il passo dell’infanzia e in cui la cosa più straordinaria è proprio l’arcano, meraviglioso disegno dei personaggi. Fiaba e thriller, bianco e nero, luci ed ombre, il bene contro il male. Un film di opposti inconciliabili, come quelle parole – ‘love’, ‘hate’ (amore e odio) – che il predicatore ha tatuato sul dorso delle dita. Una delle (tante) immagini indimenticabili di questo capolavoro senza tempo.

 


martedì 8 agosto ore 18.30 e 21.00


ELLE (film della critica) di Paul Verhoeven
Francia, 2016, 130′


con Isabelle Huppert, Laurent Lafitte, Anne Consigny, Charles Berling


Michèle è una di quelle donne che niente sembra poter turbare. A capo di una grande società di
videogiochi, gestisce gli affari come le sue relazioni sentimentali: con il pugno di ferro. Ma la sua
vita cambia improvvisamente quando viene aggredita in casa da un misterioso sconosciuto.
Imperturbabile, Michèle cerca di rintracciarlo. Una volta trovato, tra loro si stabilisce uno strano
gioco. Un gioco che potrebbe sfuggire loro di mano da un momento all’altro…
Vincitore di due Golden Globe 2017 per il Miglior film straniero e Migliore attrice protagonista e acclamato dalla critica e dal pubblico del Festival di Cannes, Elle è una black comedy lucida e spietata, impreziosita da una magnifica Isabelle Huppert, candidata all’Oscar.



mercoledì 9 agosto ore 18.30 e 21.00


ARRIVAL di Denis Villeneuve
USA, 2016, 116’


con Amy Adams, Jeremy Renner, Forest Whitaker, Michael Stuhlbarg


Quando misteriose astronavi atterrano in vari punti del pianeta, una squadra speciale, diretta dalla linguista Louise Banks, si riunisce per studiare la situazione. Mentre l’umanità è sull’orlo di una guerra globale, Banks e la sua squadra lottano contro il tempo alla ricerca di risposte. Per trovarle Banks azzarda una scelta che potrebbe mettere in pericolo la sua vita e forse l’esistenza dell’umanità.
“Sognavo di fare un film di fantascienza già dall’età di dieci anni – spiega il regista Denis Villeneuve, che si è letteralmente innamorato del breve racconto sui cui si basa Arrival, ‘Story of Your Life’ di Ted Chiang – credo che questo genere possieda il potenziale ed i mezzi per esplorare la nostra realtà in modo molto dinamico”.



giovedì 10 agosto ore 18.30 e 21.00


IL CLIENTE di Asghar Farhadi (Forushande)
Iran, Francia, 2016, 124’


con Shahab Hosseini, Taraneh Alidoosti, Babak Karimi, Farid Sajadi Hosseini


Emad e Rana sono una giovane coppia di attori costretta a lasciare la propria casa al centro di Teheran a causa di urgenti lavori di ristrutturazione.
Un amico li aiuta a trovare una nuova sistemazione, senza raccontare nulla della precedente inquilina che sarà invece la causa di un ”incidente” che sconvolgerà la loro vita…
Dal regista di Una separazione un thriller psicologico che colpisce e affronta la complessità delle relazioni umane, vincitore del Premio Oscar come Miglior Film Straniero.




venerdì 11 agosto ore 18.30 e 21.00


MOONLIGHT di Barry Jenkins
USA, 2016, 110’


con Alex R. Hibbert, Ashton Sanders, Trevante Rhodes, Mahershala Ali


Vincitore di tre Premi Oscar tra cui quello come Miglior Film e del Golden Globe per il Miglior film drammatico, applaudito dalla critica di tutto il mondo, Moonlight racconta l’infanzia, l’adolescenza e l’età adulta di Chiron, un ragazzo di colore cresciuto nei sobborghi difficili di Miami, che cerca faticosamente di trovare il suo posto del mondo. Un film intimo e poetico sull’identità, la famiglia, l’amicizia e l’amore, animato dall’interpretazione corale di un meraviglioso cast di attori.



sabato 12 agosto ore 18.30 e 21.00


CAPTAIN FANTASTIC di Matt Ross
USA, 2016, 120’


con Viggo Mortensen, George MacKay, Samantha Isler, Annalise Basso


Nel cuore delle foreste del Nord America, lontano dalla società, un padre fuori dal comune dedica la propria vita a trasformare i suoi sei figli in adulti straordinari. Ma una tragedia si abbatte sulla sua famiglia, costringendolo a lasciare quel paradiso, faticosamente costruito, per iniziare, insieme con i suoi ragazzi, un viaggio nel mondo esterno che metterà in dubbio la sua idea di cosa significa essere un genitore, e tutto ciò che ha insegnato ai suoi figli. Vincitore del premio per la Miglior Regia Un Certain Regard a Cannes 2016, Captain Fantastic si è rivelato uno dei film più amati della stagione, con uno straordinario Viggo Mortensen, candidato al Golden Globe come Miglior Attore.



domenica 13 agosto ore 18.30 e 21.00


LION – La strada verso casa. di Garth Davis
USA, Australia, Gran Bretagna, 2016, 129’


con Dev Patel, Rooney Mara, Nicole Kidman, David Wenham


Basato sul romanzo La lunga strada per tornare a casa di Saroo Brierley, Lion racconta l’incredibile storia vera di Saroo, un bambino di Madras che a 5 anni finisce sul treno sbagliato e si perde a Calcutta. Viene ritrovato dalle autorità ma non riesce a spiegare il suo luogo di provenienza, ha soltanto in mente l’immagine della stazione dalla quale era partito. Viene quindi adottato da una coppia australiana. Molti anni dopo, ormai adolescente, decide utilizzando Google Earth, di analizzare una per una tutte le stazioni ferroviarie dell’India finché non riesce a trovare quella giusta e a ricongiungersi con la famiglia di origine in un emozionante finale.



lunedì 14 agosto ore 18.30 e 21.00


CAFÉ SOCIETY di Woody Allen
USA, 2016, 96’


con Jeannie Berlin, Steve Carell, Jesse Eisenberg, Blake Lively


Ambientata nel 1930, la storia d’amore agrodolce di Café Society scritta e diretta da Woody Allen, che segue il viaggio di Bobby Dorfman dal Bronx, dove è nato, a Hollywood, dove si innamora, per poi tornare nuovamente a New York, in cui viene travolto nel mondo vibrante della vita dei locali notturni dell’alta società. Commovente, ma a tratti esilarante, è un film a sfondo romanzesco, che ci accompagna in un viaggio tra uomini d’affari dalle tinte pastello nei palazzi lussuosi di Hollywood, alle liti e le tribolazioni di una famiglia modesta del Bronx, e dalla violenza dei gangster di New York, ai lustrini, la superficialità ed i segreti scandalosi dell’alta società di Manhattan.

This Post Has 0 Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back To Top
×Close search
Search