skip to Main Content

Le nom des 86

di Emmanuel Heyd e Raphael Toledano
Francia, 2014, 63′
Giornata della Memoria | Evento realizzato da Alliance Française di Trieste in collaborazione con la Cappella Underground e IRSREC FVG | Versione originale 

Il documentario sarà introdotto dallo storico Tristano Matta.

Nel 1943, 86 ebrei scelti ad Auschwitz, vengono deportati al campo di Natzweiler-Struthof in Alsazia, l’unico campo di concentramento in Francia (dove sono stati deportati i triestini Boris Pahor, Gabriele Foschiatti e Vladimir Martelanc), in cui era stata messa a punto una camera a gas appositamente per ucciderli.
August Hirt, direttore dell’istituto di anatomia di Strasburgo, desidera realizzare una collezione anatomica di corpi ebrei, per tenere traccia di questa “razza che incarna un’umanità inferiore e ripugnante, ma caratteristica”*.

Sui luoghi del crimine, testimoni, esperti e protagonisti della memoria raccontano uno degli episodi più tragici della seconda guerra mondiale, emblematico della Shoah e della degenerazione della scienza sotto il nazismo.
Il documentario segue due direzioni diametralmente opposte: quella di Hirt, che ha fatto assassinare 86 ebrei, anonimi, e quella dello storico tedesco Hans-Joachim Lang, che ha ridato loro un nome e un’identità.

*stando alle parole usate da August Hirt.

Tristano Matta è ricercatore e storico contemporaneo. I suoi studi riguardano essenzialmente i luoghi della Memoria, della violenza nazista e della Shoah. È autore di numerose pubblicazioni relative a questo tema, tra le quali il libro Il Lager di San Sabba. Dall’occupazione nazista al processo di Trieste(Beit, Trieste 2012) e il saggio L’occupation nazie et le Polizeihaflager de San Sabba à Trieste (“Revue d’Histoire de la Shoah”, Parigi, n. 204, marzo 2016).

CALENDARIO PROIEZIONI

Venerdì 28 gennaio

18.00 (v.o. s/t ita)

Ariston Home

Ariston Home

Back To Top
×Close search
Cerca