skip to Main Content

Menù #61 – Kids

Libri, libri e ancora libri: come mari in cui tuffarsi e da cui farsi travolgere, i libri sono un’occasione di crescita e trasformazione, per piccoli e grandi eroi, protagonisti di una manciata di film, letteralmente, indimenticabili. Il menù di aprile li chiama a raccolta (quasi) tutti e invita i più piccoli a conoscerli e a farseli amici…


Matilda sei mitica di Danny DeVito, 1996 → D3094

Tratto dal libro di Roald Dahl, il film mette al centro una bambina capace di autogestirsi perfettamente. Matilda sa cucinare, è una grande lettrice ed è sensibile. Peccato che abbia dei genitori decisamente odiosi. Diventa allora indispensabile cercare di allontanarli da sé… L’elemento principale della formazione di Matilda è la lettura, il desiderio della narrazione come investimento amoroso. La lettura dona a Matilda uno stimolo creativo, le reca un messaggio di speranza, le fa capire che non è sola al mondo.

Storia di una ladra di libri di Brian Percival, 2013 → D3408

Germania, 1939. Liesel è una ragazzina che ha perduto il fratellino e rubato un libro che non può leggere perché non sa leggere! Abbandonata dalla madre, Liesel apprenderà molto presto a leggere e ad amare la nuova famiglia che la accoglierà insieme al giovane ebreo Max Vandenburg, che completerà la sua formazione. Adattamento del romanzo di Markus Zusak, il film è un racconto di formazione ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale. Attraverso i libri la protagonista impara a leggere (tra le righe), capendo quello che la circonda, scoprendo i misteri della vita e della sua assenza.

Harry Potter e la camera dei segreti di Chris Columbus, 2002 → P1689

Anche se non ha bisogno di presentazioni, ricordiamo che questo è il primo film della saga che vede come protagonista Harry Potter, trattato male per le sue capacità magiche. Troverà la sua dimensione nella Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts. Tra le indimenticabili location del film, c’è anche la bellissima biblioteca al terzo piano della Scuola dove incantesimi, storie di magia e pozioni corrono tra le pagine dei libri e sono a disposizione dei suoi studenti mentre un reparto proibito custodisce una speciale collezione dal contenuto davvero misterioso…

La bella e la bestia di Billi Condon, 2017 → D3174

Remake in live action dell’omonimo film d’animazione Disney, e tratto dalla fiaba di Jeanne-Marie Leprince de Beaumont, questo gioiellino torna su quei luoghi incantati: il villaggio francese di Belle e il castello stregato della Bestia, dove un orologio, un candelabro, una teiera e la sua tazzina, il piccolo Chicco, trascorrono l’esistenza prede di un sortilegio. Belle è letteralmente stregata dai libri: ne legge a più non posso e i suo preferiti sono quelli romantici e passionali, dove tutti i sentimenti fanno capolino e sono pronti per fare battere forte il cuore. Saranno forse queste sue letture a fare di lei uno dei personaggi più sensibili dell’universo delle fiabe?

La storia infinita di Wolfgang Petersen, 1984 → P0795

Tratto dal best-seller di Michael Ende, la storia del piccolo Bastian, dopo la morte della mamma, lo vede rifugiarsi in un mondo fantastico grazie alla lettura di avventure che sembrano impossibili. Finché un giorno, rifugiandosi in soffitta per un giorno e una notte, rivive per davvero la favola del libro che sta leggendo identificandosi nel protagonista: un piccolo arciere in lotta affinché il “Nulla” non distrugga il “Tutto”. Film di culto che merita una rinnovata visione in famiglia!

Hugo Cabret di Martin Scorsese, 2011 → D0074

Sarà anche grazie ai libri – prima quelli della libreria della stazione, poi quelli della biblioteca dell’Accademia Cinematografica – che il giovane Hugo, il figlio di un orologiaio scoprirà i segreti del cinema e le meraviglie del regista Georges Méliès. In bilico tra magia e sogno, questo film indimenticabile rievoca le atmosfere dei primi del Novecento nel nostro continente e celebra la fame di conoscenza e la infinita curiosità come le chiavi per trasformare le vite dei protagonisti!

Diario di una schiappa di Thor Freudenthal, 2010 → P2119

Le vicende di Greg, alle prese con la scuola media e la sfida di dimostrare di essere se stesso, sono raccontate, pagina dopo pagina, anzi, scena dopo scena, rispecchiando la forma narrativa del diario e dando quindi ampio spazio alle emozioni e agli stati d’animo. Forse è proprio trovando le parole per esprimere i propri pensieri che Greg riesce a capire chi è, il suo ruolo nel mondo e come poter entrare in relazione con gli altri? Il film è divertente e ricco di spunti di riflessione, come il libro da cui è tratto!
Back To Top
×Close search
Cerca