skip to Main Content

Incontro con Davide Ferrario, regista di La luna su Torino – sabato 5 aprile ore 20.30

Da giovedì 3 aprile al Cinema Ariston di Trieste arriva in prima visione il film LA LUNA SU TORINO (Italia, 2013) di Davide Ferrario, nuovo lungometraggio di fiction per l’autore di “Tutti giù per terra”, “Figli di Annibale”, “Dopo mezzanotte”, “Tutta colpa di Giuda”, già presentato con successo al Festival di Roma. Il regista Davide Ferrario presenterà il film e incontrerà il pubblico dell’Ariston sabato 5 aprile alle ore 20.30, tra la proiezione delle 19.00 e quella delle 21.00.
Nato il 26 Giugno 1956, a Casalmaggiore, Italia. Si laurea in letteratura americana all’Università di Milano. Vive a Torino. Inizia a lavorare nel campo del cinema negli anni ’70 come critico cinematografico e saggista, avviando al contempo una piccola società di distribuzione a cui si deve la circuitazione in Italia di Fassbinder, Wenders, Wajda e di altri registi. Lavora, in seguito, in qualità di agente italiano per alcuni registi americani indipendenti come Spike Lee, John Sayles, e Jim Jarmusch. Il suo debutto alla regia è del 1989 con La fine della notte, giudicato “Miglior film indipendente” della stagione. Dirige poi sia opere di finzione che documentari, che gli procurano una grande considerazione in Italia e che sono stati presentati in numerosi festival internazionali, da Berlino al Sundance, a Venezia, Toronto, Locarno. Tra gli altri: Tutti giù per terra, Figli di Annibale, Guardami e i lavori realizzati con Marco Paolini. Ferrario occupa un posto singolare all’interno della scena italiana. Rigorosamente indipendente, non è solo regista ma guida, al contempo, e con notevoli risultati la propria casa di produzione. Dopo mezzanotte, realizzato con un budget molto ridotto, ha ottenuto un grande successo in Italia, ed è stato venduto in tutto il mondo. Il suo ultimo film di finzione è Tutta colpa di Giuda (2009). È anche autore di romanzi: Dissolvenza al nero è stato tradotto in molte lingue ed adattato per lo schermo da Oliver Parker. A settembre è uscito per Feltrinelli Sangue mio. È collaboratore di testate giornalistiche e radiofoniche; e, recentemente, fotografo.


La luna su Torino
Con Walter Leonardi, Manuela Parodi, Eugenio Franceschini, Daria Pascal Attolini
Italia / 2013 – 90′

Torino, la città sul quarantacinquesimo parallelo, esattamente a metà strada tra il Polo Nord e l’Equatore, è metafora di personaggi che, vivendoci, camminano in equilibrio sul filo della vita. Ugo (Walter Leonardi), quarantenne tutt’altro che splendido, non ha mai combinato niente di serio, potendo contare sull’eredità ricevuta da adolescente alla morte dei genitori, ricchi borghesi di sinistra; ma i soldi stanno finendo e quindi ha cominciato a subaffittare parte della villa in collina dove vive. I suoi inquilini sono Maria (Manuela Parodi), 26 anni, impiegata in un’agenzia viaggi; e Dario (Eugenio Franceschini), ventenne, studente di lettere che sbarca il lunario lavorando allo Zoom, un singolare bioparco, tra animali e bagnanti. I tre convivono in modo imprevedibile, alternando momenti comunitari a momenti in cui ciascuno si isola nella propria solitudine, alla ricerca della ricetta per la felicità. Ma la situazione precipita quando l’ipoteca che pende sulla casa sta per scadere e i tre rischiano di ritrovarsi per strada: il che spingerà ciascuno a seguire il proprio destino, in modo imprevedibile, sul filo del quarantacinquesimo parallelo.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top
×Close search
Cerca