ORARIO PROIEZIONI
Mar 22 agosto trieste yugoslavia - 18.30 21.00
Mer 23 agosto frantz - 18.30 21.00
Gio 24 agosto adorabile nemica - 18.30 21.00
Ven 25 agosto è solo la fine del mondo- 18.30 21.00
Sab 26 agosto snowden - 18.30 21.00
Dom 27 agosto quello che so di lei - 18.30 21.00
Lun 28 agosto manhattan - 18.30 21.00

lunedì 21 agosto ore 18.30 e 21.00


IL DISPREZZO (Le mépris)
di Jean-Luc Godard
Francia, Italia, 1963, 105’ v.o. s/t italiano


con Brigitte Bardot, Michel Piccoli, Jack Palance, Georgia Moll, Fritz Lang


Grazie alla Cineteca di Bologna arriva per la prima volta in sala il director’s cut di un classico della nouvelle vague, all’epoca stravolto dalla produzione (per l’edizione italiana Carlo Ponti lo fece scorciare di una ventina di minuti). Il romanzo di Moravia diviene il pretesto per uno dei film più lineari e narrativi di Godard, dove il paesaggio mediterraneo e marino offre un sontuoso contrasto alla volgarità del milieu cinematografico e all’amarezza della fine di una coppia. Tra Cinecittà e una Capri dai colori irresistibilmente pop, Michel Piccoli lavora sul set di un improbabile adattamento dell’Odissea (l’aristocratico regista è Fritz Lang che interpreta se stesso), mentre la moglie Brigitte Bardot è corteggiata dal produttore.


martedì 22 agosto ore 18.30 e 21.00


TRIESTE, YUGOSLAVIA di Alessio Bozzer
Italia, 2017, 62’


alla presenza del regista


Dalla metà degli anni ’50 Piazza Ponterosso, nel centro di Trieste, diventa per tutti gli abitanti dell’allora Jugoslavia un mito, la meta prediletta per lo shopping. Durante gli anni ’70 e ’80 l’oggetto che simboleggia questo mito erano i “cowboika”, i blue jeans. Durante quegli anni milioni di jugoslavi venivano a Trieste almeno due o tre volte all’anno. Con la guerra in Jugoslavia negli anni ’90 tutto si ferma. Il film crea un mosaico di storie e testimonianze, da entrambe le parti del confine, che cerca di ricostruire quegli anni.



mercoledì 23 agosto ore 18.30 e 21.00


FRANTZ
di François Ozon
Francia, 2016, 113’


con Pierre Niney, Paula Beer, Ernst Stötzner


Al termine della Prima guerra mondiale, in una cittadina tedesca, Anna si reca
tutti i giorni sulla tomba del fidanzato Frantz, morto al fronte in Francia. Un giorno incontra Adrien, un giovane francese anche lui andato a raccogliersi sulla tomba dell’amico tedesco. La presenza dello straniero nella cittadina tedesca susciterà reazioni sociali molto forti e sentimenti estremi.
“In un’epoca ossessionata dalla verità e dalla trasparenza, desideravo da tempo fare un film sulla menzogna. Come allievo e ammiratore di Eric Rohmer, ho sempre trovato le bugie molto eccitanti da raccontare e da filmare”. (François Ozon)



giovedì 24 agosto ore 18.30 e 21.00


ADORABILE NEMICA (The Last Word)
di Mark Pellington
USA, 2017, 108’


con Shirley MacLaine, Amanda Seyfried, AnnJewel Lee Dixon


Regina incontrastata delle migliori commedie di Hollywood, Shirley MacLaine fa il suo ritorno sul grande schermo in Adorabile nemica, nei panni di Harriet Lauler, milionaria dispotica e irresistibile, abituata a controllare tutto quello che la circonda, persone comprese. Un giorno Harriet decide di voler controllare anche quello che si dirà di lei dopo la sua morte: perfino il suo elogio funebre deve essere di suo gradimento! Incarica quindi Anne, una giovane giornalista con ambizioni letterarie, di scrivere la sua storia, con conseguenze divertenti e imprevedibili. Nascerà un’amicizia sincera, buffa e conflittuale, tra due donne forti e libere.



venerdì 25 agosto ore 18.30 e 21.00


E’ SOLO LA FINE DEL MONDO (Juste la fin du monde)
di Xavier Dolan
Francia, 2016, 95’


con Gaspard Ulliel, Léa Seydoux, Vincent Cassel, Marion Cotillard


Louis, giovane scrittore di successo che da tempo ha lasciato la sua casa di origine per vivere a pieno la propria vita, torna a trovare la sua famiglia per comunicare una notizia importante. Ad accoglierlo il grande amore di sua madre e dei suoi fratelli, ma anche le dinamiche nevrotiche che lo avevano allontanato dodici anni prima. Un crescendo di emozioni raccontate con trasporto da Xavier Dolan, l’enfant prodige canadese più acclamato degli ultimi anni, attraverso un cast di altissimo livello. Gran Premio della Giuria al Festival di Cannes.



sabato 26 agosto ore 18.30 e 21.00


SNOWDEN di Oliver Stone
Germania, USA, 2016, 134’


con Joseph Gordon-Levitt, Nicolas Cage, Melissa Leo, Tom Wilkinson, Shailene Woodley


Consulente esperto di informatica alla National Security Agency, legato da un impegno di massima segretezza, Edward Snowden scoprì all’inizio degli anni ‘10 che una montagna virtuale di dati vieniva registrata tracciando ogni forma di comunicazione digitale, non solo relativa a governi stranieri e a potenziali gruppi di terroristi, ma anche a quella di normali cittadini americani. Disilluso rispetto al mondo dell’intelligence, Snowden iniziò a raccogliere meticolosamente centinaia di migliaia di documenti segreti per dimostrare la portata della violazione dei diritti in atto; divulgando questi dati, aprì occhi del mondo e, contemporaneamente, chiuse le porte del proprio futuro.



domenica 27 agosto ore 18.30 e 21.00


QUELLO CHE SO DI LEI– La strada verso casa. (Sage femme)
di Martin Provost
Francia, 2017, 117’


con Catherine Frot, Catherine Deneuve, Olivier Gourmet, Quentin Dolmaire


Claire è un’ostetrica meravigliosamente dotata, con un talento naturale nel mettere al mondo i neonati con gesti dolcissimi. Ma nel corso degli anni, i suoi modi delicati, il suo senso di orgoglio e di responsabilità sono entrati in conflitto con i metodi più improntati all’efficienza delle moderne strutture ospedaliere. Più vicina alla fine della sua carriera che all’inizio, Claire comincia a mettere in discussione il suo ruolo e la sua professione.
Un giorno riceve una strana telefonata. Una voce riemerge dal passato: Béatrice, la stravagante e frivola amante del suo compianto padre, ha notizie importanti e urgenti da darle e vuole rivederla, trent’anni dopo essere scomparsa nel nulla all’improvviso.



lunedì 28 agosto ore 18.30 e 21.00


MANHATTAN di Woody Allen
USA, 1979, 96’
in collaborazione con “Il Cinema Ritrovato. Al cinema” Classici restaurati in prima visione


con Woody Allen, Diane Keaton, Mariel Hemingway, Michael Murphy, Meryl Streep


Solo uno schermo grandissimo rende piena giustizia a questa sinfonia postmoderna di fragili amori consumati tra ristoranti alla moda, diner confidenziali, appartamenti in penombra, sale di museo, ma pronta ad aprirsi sulle meraviglie dello skyline, di Central Park durante un temporale estivo, di una Quinta Avenue filmata a passo di corsa e in un crescendo della Rapsodia in blu che sfuma infine sulle note malinconiche di But not for Me. Opera chiave nella filmografia di Allen, Manhattan è un film dal fascino visivo struggente che ha restituito come pochi la nevrotica dolcezza del vivere in una certa stagione che ci appare ormai lontana.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *