La “Femme Fatale” è una delle figure ricorrenti più importanti della storia del cinema. Il termine francese, ripreso anche da Brian De Palma come titolo di un suo film, trova un corrispettivo nell’italiano donna fatale. Da non confondere con la dark lady (la cattiva che piega il protagonista ai suoi scopi grazie alle sue armi di seduzione) la femme fatale pur possedendo lo stesso potere seduttivo e giocando un ruolo chiave nel dispiegarsi della trama, non deve essere per forza un personaggio negativo e spinto dalla brama di potere. Più spesso distrugge senza volerlo.
MA008 D0236 OD131 OD094 Metropolis Metropolis
di Fritz Lang, 1927, Germania, 153 minNel 2026 in una megalopoli a due livelli gli operai che lavorano come schiavi nei sotterranei sono incitati alla rivolta da un robot femmineo che riproduce le fattezze di una di loro, la mite e pia Maria. L’ha costruito uno scienziato al servizio dei padroni che vuole vendicarsi del potente John Fredersen, dominatore della città.
Considerato il capolavoro del regista austriaco. È tra le opere simbolo del cinema espressionista ed è universalmente riconosciuto come modello di gran parte del cinema di fantascienza moderno, avendo ispirato pellicole quali Blade Runner e Guerre stellari.
P0014 il vaso di pandora Lulu – Il vaso di pandora (Die Büchse der Pandora)
di Georg Wilhelm Pabst, 1929, Germania, 133 minLulù è una giovane donna che aspira al successo e avvicina chiunque la possa aiutare nella sua ascesa. Con il tempo manderà in rovina tutti coloro che la amano e anche se stessa.
P0024 angelo azzurro L’angelo azzurro (Der Blaue Engel)
di Josef von Sternberg, 1930, Germania, 99 minIl professor Immanuel Rath un giorno scopre che alcuni dei suoi alunni, di notte, si recano presso un locale d’infimo ordine, “L’Angelo Azzurro” dove si esibisce una certa Lola-Lola. Il professore, scandalizzato, si reca anche lui presso il locale, con lo scopo di sorprendere i suoi studenti, ma si ritroverà proprio nel camerino di Lola-Lola.
P0835 mata hari Mata Hari
di George Fitzmaurice, 1931, Stati Uniti, 89 minParigi, 1917, prima guerra mondiale: la danzatrice esotica Mata Hariè una delle maggiori attrazioni della vita notturna, ma anche una delle più abili spie al servizio della Germania.
P1051 Il bacio della pantera Il bacio della pantera (Cat people)
di Jacques Tourneur, 1942, USA, 72 minIl giovane ingegnere Oliver conosce allo zoo l’affascinante Irene, una ragazza di origine slava. In breve i due si innamorano e si sposano. Tutto filerebbe a meraviglia se non fosse che Irene si rifiuta di baciare il marito perché teme un’antica maledizione della sua terra. Secondo una leggenda infatti le donne come lei si tramutano in pantera ogni volta che baciano un uomo.
P0003 La donna del ritratto La donna del ritratto (The Woman in the Window)
di Fritz Lang, 1944, USA, 107 minUn docente di criminologia cena presso il suo club. Ha ammirato in una vetrina un quadro raffigurante una bellissima donna e questa – di cui nulla conosce – entra in un suo sogno, dapprima piacevole (la loro relazione sentimentale), ma che si trasforma poi in un autentico incubo.
P0023 la fiamma del peccato La fiamma del peccato (Double Indemnity)
di Billy Wilder, 1944, USA, 107 minUn agente d’assicurazioni fa conoscenza con una donna affascinante, che vuole assicurare suo marito sulla vita, senza farglielo sapere. C’è del losco, ma Walter, l’agente, è soggiogato dal fascino pericoloso della cliente. I due diventano amanti e insieme progettano l’omicidio del marito per poi dividersi il premio.
Il film ha rivcevuto 7 nomination agli Oscar del 1945, e nel 2008 l’American Film Institute l’ha inserito al ventinovesimo posto della classifica dei migliori cento film statunitensi di tutti i tempi.
D1277 Femmina folle Femmina folle (Leave Her To Heaven)
di John M. Stahl, 1945, USA, 110 minRichard Harland, un giovane scrittore, incontra su un treno una bella donna, Ellen. I due s’innamorano e si sposano. Ma col tempo Richard si rende conto che la sua vita sentimentale è diventata un inferno a causa della gelosia.
Il film ha vinto l’Oscar alla migliore fotografia (Leon Shamroy) alle premiazioni del 1946.
P0198 Gilda Gilda
di Charles Vidor, 1946, USA, 110 minGilda, una ballerina, si sposa con Ballin per far dispetto a Johnny, l’ex amante che l’ha lasciata. In seguito Ballin salva la vita a Johnny che, per riconoscenza, accetta di lavorare nella sua bisca, dove ritrova naturalmente Gilda di cui ignorava il matrimonio. Il nuovo incontro tra i due scatena sentimenti che sembravano ormai spenti.
Fu presentato in concorso al Festival di Cannes 1946.
P00058 La signora di shangai La signora di shangai (The Lady from Shanghai)
di Orson Welles, 1947, USA, 86 minMichael O’Hara, marinaio irlandese, salva Mrs. Elsa Bannister da un’aggressione in Central Park a New York e viene ingaggiato dal suo zoppo marito, avvocato di gran nome, perché li porti – lui, la moglie e il suo socio in affari – su uno yacht a San Francisco con tappa ad Acapulco. Il buon O’Hara si accorge presto di essere capitato in un nido di vipere e di squali, il peggiore dei quali è proprio lei, l’angelo biondo dal cuore nerissimo.
D0653 La sanguinaria La sanguinaria (Deadly Is the Female, Gun Crazy)
di Joseph H. Lewis, 1950, USA, 86 minAppena uscito da un riformatorio, dove era stato rinchiuso per furto di armi, un ragazzo si aggrega a un circo dove si esibisce come tiratore. Si innamora di una ragazza e la sposa, ma questa si dimostra avida e sanguinaria. Insieme iniziano a compiere rapine e uccidono due persone. La polizia è sulle loro tracce. I due potrebbero fuggire, ma la donna cerca di eliminare due amici d’infanzia del ragazzo.
P0210 D0753 D0113 La donna che visse due volte La donna che visse due volte (Vertigo)
di Alfred Hitchcock, 1958, USA, 128 minA causa delle sue vertigini, l’agente Ferguson è a riposo per non aver impedito un incidente mortale a un collega. Un amico gli chiede di sorvegliare sua moglie, che ha manie suicide. Ferguson resta affascinato dall’infelice donna e quando è costretto a intervenire per salvarla da un tentativo di suicidio in mare tra i due ha inizio una storia d’amore. Ma una tragedia sta per sconvolgere le vite di entrambi.
Capolavoro assoluto di Hitchcock, nominato a due Oscar nel 1959, viene inserito dell’American Film Institute al nono posto della classifica dei cento migliori film americani di tutti i tempi nel 2008.
P0373 Chinatown Chinatown
di Roman Polanski, 1974, USA, 125 minIngaggiato per una questione di infedeltà coniugale, il detective Gittes si accorge di essere in realtà lo strumento di una macchinazione ai danni di un funzionario comunale che ha scoperto un traffico illecito di acqua della rete pubblica.
Vincitore di un premio Oscar (sceneggiatura), quattro Golden Globe e tre BAFTA, nel 2008 l’American Film Institute l’ha inserito al ventunesimo posto della classifica dei migliori cento film statunitensi di tutti i tempi.
P1180 Brivido caldo Brivido caldo (Body Heat)
di Lawrence Kasdan, 1981, USA, 113 minTra un giovane avvocato e una donna sposata scocca il colpo di fulmine: il marito di lei è ricchissimo e tratta affari poco puliti. La donna sembra temerlo e non ha nessuna intenzione di rinunciare alle sue ricchezze: così, convince il giovane amante a partecipare all’uccisione dell’ingombrante consorte. Per quanto ottenebrato dalla passione, l’avvocato intuisce però che qualche cosa non funziona.
P1206 Attrazione fatale Attrazione fatale (Fatal Attraction)
di Adrian Lyne, 1987, USA, 120 minReduce da un estemporaneo adulterio, un procuratore legale crede di poter riprendere la sua vita normale con l’amata moglie, ma l’amante lo perseguita ossessivamente, gli sottrae la figlia, arriva ad aggredire la moglie.
P0333 Velluto blu Velluto blu (Blue Velvet)
di David Lynch, 1986, USA, 120 minNella cittadina di Lumberton, Jeffrey Beaumont, un giovane studente, scopre in mezzo ad un campo i resti di un orecchio umano reciso di netto e lo porta alla polizia. Il giovane conosce così Sandy, figlia del detective Williams, e i due, presi dalla curiosità, cominciano ad indagare per conto proprio, scoprendo che nella loro cittadina esiste un ignobile mondo sotterraneo fatto di violenza, sesso, traffico di droghe e polizia corrotta.
P1019 Le relazioni pericolose Le relazioni pericolose (Dangerous Liaisons)
di Stephen Frears, 1988, USA, 121 minNella Francia dell’ultimo ‘700 il Visconte di Valmont e la Marchesa di Merteuil tessono un intrigo per sedurre Madame de Tourvel, una giovane ed affascinante donna sposata. Ma interviene un’inattesa complicazione: trasgredendo il rigido codice del seduttore di professione, che regola la sua esistenza, Valmont, si innamora di Madame de Tourvel.
Candidato a sette Oscar il film se ne è aggiudicati tre: miglior sceneggiatura, costumi e scenografia.
P0040 Rischiose abitudini Rischiose abitudini (The Grifters)
di Stephen Frears, 1991, USA, 104 minLilly non è più una fanciulla, ma è ancora attraente e di mestiere piazza scommesse per un potente boss. Roy è suo figlio, un piccolo truffatore che vive alla giornata. Myra è giovane, sexy e sa bene quel che vuole dalla vita. Il destino dei tre si intreccia e per loro non c’è più speranza.
Il film ha ricevuto 4 candidature ai premi Oscar del 1990.
P0979 Mulholland drive Mulholland drive (Mulholland Dr.)
di David Lynch, 2001, USA, Francia, 146 minMulholland Drive è una lunga e vecchia strada di Los Angeles: nasce nel deserto, attraversa i quartieri ricchi e finisce a strapiombo sulla costa di Malibù. Rita è un’avvenente bruna sopravvissuta ad un incidente d’auto in seguito al quale ha però perso la memoria, Betty un’aspirante attrice di belle speranze la ospita nel proprio appartamento e se ne innamora. Le due protagoniste cercano di far luce sull’amnesia di Rita, per scoprire che in realtà niente è come sembra.
Presentato in concorso alla 54ª edizione del Festival di Cannes, ha vinto il premio per la miglior regia.
P0632 Kill Bill vol. 1 Kill Bill vol. 1
di Quentin Tarantino, 2003, USA, 106 minLa gang di Bill, un boss della mala, fa irruzione nella chiesa dove si sta celebrando il matrimonio della spietata killer Black Mamba, che aspetta un bambino ed è decisa a ritirarsi dalla professione. Il bilancio dell’agguato è di quattro vittime, con la sposa – colpita alla testa da una pallottola – agonizzante ai piedi dell’altare. Uscita dal coma dopo cinque anni, Black Mamba diventa semplicemente “la Sposa” ed è disposta a tutto pur di vendicarsi.
P0633 Kill Bill vol. 2 Kill Bill vol. 2
di Quentin Tarantino, 2004, USA, 136 minLa “Sposa” continua a compiere la sua vendetta: dopo aver ucciso le prime due ex compagne della lista, Vernita Green e O-Ren Ishii, si mette sulle tracce di Elle Driver e di Budd, lasciando per ultimo Bill.
P0914 Inland empire Inland empire
di David Lynch, USA, Polonia, Francia, 2006, 172 minL’attrice Nikki Grace viene scelta per interpretare – Il buio cielo del domani – remake di un film maledetto mai concluso a causa della morte violenta dei due protagonisti. Vittima di una sorta di transfert, Nikki comincia a immedesimarsi nel copione, finché realtà e finzione si mescolano senza soluzione di continuità.
Presentato alla 63ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, è il primo film di Lynch ad essere stato girato interamente in digitale.