P2182 quando torna l'inverno Quando torna l’inverno (Un singe en hiver)
di Henri Verneuil, 1962, Francia, 99 min

Albert Quentin, un maturo ufficiale in pensione, passa il tempo annoiandosi in un paesino della costa francese: l’arrivo improvviso del giovane, scapestrato e inquieto Gabriel Fouquet, sulle tracce della figlia da recuperare in collegio, gli dona un soprassalto di vitalità e l’ultima occasione prima di arrendersi definitivamente alla vecchiaia.

P1483 la grande abbuffata La Grande Abbuffata (La grande bouffe)
di Marco Ferreri, 1973, Francia, Italia, 123 min

Quattro amici di diversa estrazione sociale, ma uniti dal comune amore per la buona tavola, si ritrovano nella fatiscente villa con giardino di uno di loro per trascorrere un intero weekend mangiando e bevendo. Tre prostitute fatte venire per ravvivare la maratona gastronimica ben presto si stancano dell’indifferenza erotica degli anfitrioni, tutti presi dalle pietanze, e se ne vanno.

P1152 il pranzo di babette Il Pranzo Di Babette (Babettes gaestebud)
di Gabriel Axel, 1987, Danimarca, 102 min

Babette è una raffinata cuoca francese, apprezzatissima dai buongustai, che nel 1871 per ragioni politiche deve lasciare Parigi e trova rifugio in un desolato paese della costa danese. Dopo anni di modesto servizio presso due anziane sorelle, Babette organizza un pranzo fastoso con cui dà fondo alla vincita ad una lotteria, affermando clamorosamente la sua arte sopraffina.
È stato presentato nella sezione Un Certain Regard al 40º Festival di Cannes, ottenendo la menzione speciale della giuria ecumenica. Inoltre ha vinto l’Oscar al miglior film straniero nel 1988.

P2233 Lunga Vita Alla Signora! Lunga Vita Alla Signora!
di Ermanno Olmi, 1987, Italia, 115 min

Ogni anno una vecchia e potente signora riunisce a cena nel suo castello tra i monti i notabili del luogo, chiamati a riverirla. Una cerimonia sfarzosam alla quale assiste estasiato un giovane aiuto cameriere, Libenzio, candido figlio di contadini. Man mano che la cena procede, Libenzio si avvede però delle meschinità e delle umiliazioni cui i convitati sono costretti per conservare il loro potere; l’atmosfera del castello che gli sembrava invidiabile, gli appare ora soffocante.

P1227 il cuoco il ladro sua moglie e l'amante Il Cuoco, Il Ladro, Sua Moglie E L’amante
(The Cook, the Thief, His Wife and Her Lover)
di John Avnet, 1989, Francia, Regno Unito, 124 min

In un elegante ristorante gestito dal cuoco francese Richard si reca quotidianamente a mangiare il volgare e feroce bandito Albert, con i suoi scagnozzi e la moglie Georgina. Quest’ultima si innamora di un solitario avventore: i due diventano amanti. Nonostante la protezione di Richard, Albert si vendica atrocemente, ma la risposta di Georgina è altrettanto spietata.

P1550 pomodori verdi fritti alla fermata del treno Pomodori Verdi Fritti Alla Fermata Del Treno
(Fried Green Tomatoes at the Whistle Train Stop)
di John Avnet, 1991, USA, 130 min

Evelyn, sovrappeso e frustrata dall’indifferenza del marito, fa amicizia in un ospizio con l’anziana Ninny che le racconta, a puntate, una storia di molti anni prima che ha per protagoniste due amiche, Idgy e Ruth, in un bar vicino a una ferrovia (dove la specialità sono i pomodori verdi fritti). Idgy cresce ribelle e selvaggia e frequenta ambienti poco raccomandabili. Riuscirà a convincere l’amica Ruth a lasciare il violento marito, che ha sposato contro la sua volontà, e a tenersi il suo bambino.

P2147 camerieri Camerieri
di Leone Pompucci, 1995, Italia, 101 min

L’Eden, un ristorante su lungomare di Roma, viene venduto ad una famiglia di mobilieri, la quale intende fare una festa proprio il giorno dell’acquisizione. Il gruppo di camerieri del locale dovrà fare di tutto per dare una buona impressione e sperare così di poter rimanere a lavorare presso i nuovi proprietari. Ma proprio questa sarà la cosa più difficile: lavorare insieme per dare il meglio.
Il film ha vinto due Nastri D’Argento nel 1996, per miglior sceneggiatura e miglior attrice non protagonista.

OD0589 big night Big Night
di Stanley Tucci, Campbell Scott, 1996, USA, 107 min

Primo e Secondo Pilaggi, fratelli italiani emigrati sulla costa del New Jersey gestiscono un ristorante sull’orlo del fallimento. I due, per risollevare la situazione, decidono di organizzare una sontuosa cena di gala, a Louis Prima, famoso musicista e intrattenitore italoamericano.

P2149 vatel Vatel
di Roland Joffé, 2000, Francia, Gran Bretagna, Belgio, 103 min

François Vatel è il leale e devoto attentendente, nonché cuoco, dell’orgoglioso Principe di Condé. Il nobile ha bisogno di guadagnarsi il favore di Luigi XIV e spera di ricevere il comando di una nuova compagna militare contro l’Olanda. Condé pone se stesso e il benessere del suo castello nelle mani di Vatel assegnandoli il difficile compito di ricevere la Corte di Versailles al castello di Chantilly. Per assicurare il successo dell’impresa Vatel ha a disposizione un esercito di servitori per stupire e soddisfare il re.

P2146 kitchen story Kitchen Story (Salmer fra Kjøkkenet, Psalmer från köket)
di Bent Hamer, 2003, Norvegia, Svezia, 95 min

Nell’immediato dopoguerra, alcuni esperti in arredamento domestico scoprirono che per minimizzare il dispendio finanziario delle famiglie bastava razionalizzare il lavoro in cucina. Negli anni ’50, 18 esperti furono inviati in un villaggio della campagna norvegese noto per l’elevato numero di scapoli per monitorare, 24 ore su 24, le loro abitudini in cucina. La ricerca della cucina ideale è in realtà l’occasione per esplorare il difficile mondo delle relazioni umane.
Il film presentato nella Quinzaine des Réalisateurs al 56º Festival di Cannes, ha ricevuto una nomination agli Oscar come miglior film straniero.

MA011 super size me Super Size Me
di Morgan Spurlock, 2004, USA, 100 min

Perché gli americani sono così grassi? Morgan Spurlock ha cercato di dare una risposta intervistando esperti in venti città degli Stati Uniti, ma soprattutto cibandosi unicamente da McDonald’s tre volte al giorno per un mese intero, mettendo a repentaglio la propria salute.
Super Size Me è stato candidato nel 2005 per l’Oscar al miglior documentario.

P1828 ottima annata Un’Ottima Annata (A Good Year)
di Ridley Scott, 2006, USA, 114 min

Max Skinner, uomo d’affari inglese, torna in Provenza per assistere ai funerali dello zio Henry, che lo ha cresciuto. Nel Sud della Francia lo attendono però – oltre a tanti ricordi e persone che appartengono al suo passato – una bella locandiera e una figlia illegittima dello zio, che potrebbe avanzare pretese sui vigneti lasciati in eredità a Max.

P1718 cous cous Cous Cous (La Graine et le Mulet)
di Abdellatif Kechiche, 2007, Francia, 151 min

Beiji, sessantenne di origine maghrebina, perde il lavoro nel cantiere navale del porto di Sète, la città nei pressi di Marsiglia in cui vive. Divorziato, con una famiglia numerosa a cui pensare, decide di realizzare il suo sogno: aprire un ristorante che serve solo cous cous e coinvolgere i parenti nell’attività.
Il film è stato presentato il 3 settembre 2007 al 64º festival del cinema di Venezia, dove ha ricevuto il Leone d’argento – Gran premio della giuria, nel dicembre dello stesso anno ha vinto anche il premio Louis-Delluc.

P2148 food inc. Food, Inc.
di Robert Kenner, 2008, USA, 94 min

Dietro alle aziende detentrici del controllo dell’industria alimentare americana ci sono segreti e scorrettezze che fanno decisamente passare l’appetito. Viaggio attraverso il commercio del cibo in un Paese che si basa interamente sulla figura del fast food.
Il film è stato candidato al premio Oscar nel 2010 come miglior documentario.

D0425 pranzo di ferragosto Pranzo di Ferragosto
di Gianni di Gregorio, 2008, Italia, 73 min

Gianni è un uomo di mezz’età, figlio unico di madre vedova, una nobildonna decaduta che lo tiranneggia sistematicamente, con la quale vive in una vecchia casa nel centro di Roma. L’esistenza di Gianni si trascina tra le faccende domestiche e l’osteria. Alla vigilia del pranzo di Ferragosto, gli piombano in casa la mamma e la zia di Luigi (l’amministratore di condominio che in cambio dell’ospitalità delle donne gli ha promesso la cancellazione dei debiti contratti negli anni) e la madre di un amico medico che è di turno in ospedale.
Presentato alla Mostra del cinema di Venezia, il film ha vinto il Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis”. Di Gregorio è stato premiato come miglior regista esordiente dell’anno da entrambi i maggiori riconoscimenti cinematografici italiani, i David di Donatello e i Nastri d’argento.

P2164 Julie & Julia Julia & Julia
di Nora Ephron, 2009, USA, 123 min

Julie Powell è una trentenne annoiata dalla monotonia della vita e del lavoro di impiegata. Per occupare il tempo libero, decide di sperimentare le 524 ricette contenute nel libro _Mastering the Art of French Cooking_, scritto dalla celebre chef Julia Child. Julie si pone l’obiettivo di preparare tutte le ricette nell’arco di un anno, e apre un blog per raccontare la sua sfida, che prosegue parallelamente alle vicende che portarono la Child alla pubblicazione del libro.

P1811 Soul Kitchen Soul Kitchen
di Fatih Akin, 2009, Germania, 99 min

Zinos è il proprietario di origine greca di un ristorante di Amburgo che sta attraversando un periodo di notevoli difficoltà: la sua fidanzata Nadine si è trasferita a Shanghai e ai suoi clienti il nuovo chef che ha assunto non va affatto a genio, tanto che hanno deciso in massa di boicottare il locale. Per Zinos si tratterà così di intraprendere una lotta su due fronti: riconquistare la fiducia della clientela e il cuore di Nadine.
Il film è stato presentato in concorso alla 66ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, dove si è aggiudicato il premio Leone d’argento – Gran premio della giuria.

OD0600 chef Chef (Comme un chef)
di Daniel Cohen, 2012, Francia, 84 min

Il più grande sogno del giovane Jacky Bonnot è riuscire un giorno a trasformare la sua passione per la cucina e il suo innato talento tra i fornelli in un’attività che gli permetta di sopravvivere e lasciarsi alle spalle le difficoltà che ha attraversato e che lo hanno portato a lavorare come cuoco nei luoghi più disparati. L’occasione giusta gli si presenta quando si imbatte in Alexandre Lagarde, il miglior cuoco di tutta la Francia, che rischia di vedersi togliere una stella dalla critica enogastronomica.

P2172 la cuoca del presidente La Cuoca Del Presidente (Les Saveurs du palais)
di Christian Vincent, 2012, Francia, 95 min

Hortense Laborie è una cuoca rinomata che vive nel Périgord. Con sua grande sorpresa, il Presidente della Repubblica la nomina responsabile della sua cucina personale all’Eliseo. Nonostante le gelosie degli chef che operano nella cucina centrale del Palazzo, Hortense riesce ad imporsi grazie al suo carattere forte e alla sua tempra. La genuinità della sua cucina sedurrà in poco tempo il Presidente, ma quello che accade dietro le quinte, nelle stanze del potere, le creerà molti ostacoli.