P0297 Nosferatu il vampiro
(Nosferatu, eine Symphonie des Grauens)
di Friedrich Wilhelm Murnau, 1922, Germania, 84 min

Hulter, commesso di un’agenzia immobiliare, viene inviato presso il conte Orlock, detto anche Nosferatu, in Transilvania. Questi abbandona il suo castello in una bara, a bordo di una nave carica di topi portatori di peste, e giunge nella città dove abita la fidanzata di Hulter, che intende sedurre.
P0024 angelo azzurro L’angelo azzurro (Der Blaue Engel)
di Josef von Sternberg, 1930, Germania, 99 min

Il professor Immanuel Rath un giorno scopre che alcuni dei suoi alunni, di notte, si recano presso un locale d’infimo ordine, “L’Angelo Azzurro” dove si esibisce una certa Lola-Lola. Il professore, scandalizzato, si reca anche lui presso il locale, con lo scopo di sorprendere i suoi studenti, ma si ritroverà proprio nel camerino di Lola-Lola.
D2106 La Ronde – Il piacere e l’amore (La Ronde)
di Max Ophüls, 1950, Francia, 97 min

La prostituta e il soldato; il soldato e la cameriera, che finisce poi col figlio del padrone. Una giovane moglie si rifiuta di tradire il marito il quale invece non si fa troppi scrupoli di fronte all’occasione. Un poeta, un’attrice, un conte… Dopo una notte agitata, quest’ultimo corteggia la prostituta dell’inizio. Tra un incontro e l’altro, le immagini di un maneggio e la melodia di un valzer e un carillon che somiglia tanto alla macchina-cinema. Appassionati incontri senza domani, in una Vienna d’altri tempi.
P0153 Il Cappotto
di Alberto Lattuada, 1952, Italia, 95 min

Carmine, un umile impiegato, ha un sogno nel cassetto: comprarsi un cappotto. Quando finalmente riesce ad acquistare l’indumento, dopo parecchi sacrifici, viene derubato per strada da un ladro. Senza più il suo cappotto nuovo, Carmine vaga in piena notte per la città, alle prese con il freddo e il buio.
P2243 Lolita
di Stanley Kubrick, 1962, USA, Gran Bretagna, 152 min

“Il docente Humbert, alloggiato presso la vedova Haze, la sposa pur di stare vicino alla figlia adolescente, di cui è innamorato. Quando la Haze muore, Humbert si mette finalmente con la ragazzina e con lei viaggia attraverso gli Stati Uniti. Lolita sparisce; riappare tre anni dopo, sposata e incinta.
P2244 Il processo (Le procès)
di Orson Welles, 1962, Italia, Germania, Francia, 118 min

Joseph, un anonimo impiegato di banca, viene a sapere che su di lui si sta istruendo un processo. All’inizio pensa a uno scherzo, poi capisce che stanno facendo sul serio. E senza che mai nessuno gli abbia rivelato i capi d’imputazione.
D0089 Storia immortale (Une histoire immortelle)
di Orson Welles, 1968, Francia, 58 min

Macao, XIX secolo: solitario e innamorato esclusivamente dei soldi, l’anziano mercante Clay si prefigge di dimostrarne l’infinita potenza. A tal scopo, progetta di materializzare una leggenda in cui si narra di un ricco signore che “affitta” un marinaio affinché passi una notte con sua moglie, dandogli un erede. Clay incarica quindi il suo contabile Levinsky di ingaggiare i protagonisti della messinscena, destinata però a un imprevisto e amaro epilogo.
0539td>

Don Quixote (Don Quijote de Orson Welles)
di Orson Welles, 1970, Spagna, Italia, USA, 116 min

Iniziato come un telefilm di 30 minuti e poi gonfiato da un Welles appassionato che continuava a riscrivere e correggere lo script, è composto di 3 episodi desunti dal libro di Cervantes, alternati da una cornice in cui lo stesso regista raccontava la storia alla piccola (nel 1952) McCormack.
Girato in bianconero, da 8 operatori diversi. Talvolta i personaggi escono dal contesto storico per un’ambientazione moderna, come quando Sancho Panza fa il bagno a don Chisciotte in una tinozza sul tetto e in distanza si vede un’insegna al neon con la pubblicità di una birra chiamata “Don Quixote Cerveza”. In un’altra scena l’eroe non dà l’assalto ai mulini a vento, ma a uno schermo cinematografico per salvare una starlet in pericolo.
Incompiuto. Distribuito nel 1992 in un’edizione assai discussa messa insieme da Jesus Franco.
P0441 Morte a Venezia
di Luchino Visconti, 1971, Italia, 130 min

Il musicista Gustav von Aschenbach, prossimo alla vecchiaia, prende alloggio nel lussuoso “Hotel des bains” del Lido di Venezia. Indifferente a tutto, viene colpito dalla bellezza di un adolescente, Tadzio, ospite con la sua famiglia nello stesso albergo. Dopo un fallito tentativo di fuga, non può fare a meno di pedinarlo. Venezia è in preda a un’epidemia di colera e Gustav si ammala.
D2291 Falso movimento (Falsche bewegung)
di Wim Wenders, 1974, Germania, 103 min

Il giovane Wilhelm parte dalla sua cittadina nel nord della Germania per Bonn. Strada facendo fa una serie di incontri: un ex nazista e la giovane figlia; Therese, una donna che incontra in treno; Bernard, poeta vagabondo. Tutti finiscono nella villa di un industriale che si suicida. Vagabondano sul Reno, poi il gruppo si sfalda. Wilhelm passa una notte con Therese, poi parte per le Alpi. Sulla funivia del Grossglockner scambia la sua penna con una cinepresa.
P0468 Il fiore delle mille e una notte
di Pier Paolo Pasolini, 1974, Italia, 130 min

La storia di Nur-el-Din e della bellissima schiava Zumurrud; la trappola tesa da Tiffané e Zeudé per scoprire chi sia miglior amante fra un ragazzo e una ragazza. E ancora: i diversi destini di Aziz e di Tagi, il primo punito con l’evirazione per un tradimento amoroso, il secondo, invece molto più fortunato. Infine due prìncipi, per cammini diversi ma ugualmente avventurosi, finiscono per farsi bonzi.
È l’ultimo capitolo della celebre “Trilogia della vita” pasoliniana.
P0136 Il tamburo di latta (Die Blechtrommel)
di Volker Schlöndorff, 1979, Germania, Francia, Jugoslavia, Polonia, 142 min

Il piccolo Oskar, nato a Danzica nel 1922, decide alla tenera età di tre anni di non crescere più. Intorno a lui il mondo sta cambiando: Hitler é in ascesa e sta cominciando la seconda guerra mondiale. L’unico a non voler cambiare é proprio lui ed il suo odio verso gli adulti.
Ispirato all’omonimo romanzo di Günter Grass il film si aggiudicò la Palma d’oro al 32º Festival di Cannes.
P0530A P0530B P1339 Nosferatu, il principe della notte
(Nosferatu: Phantom der Nacht)
di Werner Herzog, 1979, Germania Ovest, Francia, 107 min

Jonathan Harker, incaricato di trattare l’acquisto di una vecchia casa di Wismar, lascia l’Olanda e raggiunge la Transilvania. Solo la moglie Lucy, che di notte ha sinistri incubi, si dimostra contraria alla sua partenza. Arrivato sul posto, Jonathan viene sconsigliato dal proseguire dagli zingari accampati nelle vicinanze del castello, ma nulla riesce a vincere la sua testardaggine. Capirà presto cosa minaccia la regione.
P1785 Il bacio della donna ragno (Kiss of the Spider Woman)
di Hector Babenco, 1984, USA, Brasile, 119 min

Due uomini sono detenuti nella stessa cella in un carcere sudamericano. Il primo, Valentin, è un prigioniero politico punito per aver complottato contro il regime dei militari; il secondo, Molina, è un omosessuale imprigionato per aver insidiato un ragazzo. Quest’ultimo si consola della situazione ricordando i film cui ha assistito e inventando situazioni nuove a partire da tali film, che racconta al suo compagno di cella. La forzata coabitazione porterà a conclusioni inaspettate.
P0037 La mia Africa (Out of Africa)
di Sydney Pollack, 1986, USA, 161 min

Karen Dinesen arriva in Kenya nel 1914 per ritrovarvi il barone von Blixen, da lei sposato senza amore. Durante le lunghe assenze del marito, Karen fa amicizia con Hatton, un cacciatore de elefanti. Quando il barone le trasmette la sifilide, Karen rientra in Europa per curarsi. Ma tornerà nel continente nero.
P0079 Cobra verde
di Werner Herzog, 1987,Germania, 110 min

Il colonnello Coutinho chiama a dirigere le sue piantagioni di canna da zucchero il bandito Manoel Garcia da Silva, conosciuto come “Cobra Verde”. Il colonnello prende a ben volere Manoel perché si dimostra capace di farsi ubbidire dagli schiavi. Ma il bandito, entrato da ospite in casa dell’ufficiale, seduce e mette incinte tutte e tre le figlie. Coutinho, furibondo, lo manda in Africa con il compito di dare nuovo impulso alla tratta degli schiavi, sperando di non rivederlo mai più.
P0039 La leggenda del santo bevitore
di Ermanno Olmi, 1988, Italia, 125 min

Andreas Kartak, ex minatore della Slesia espulso dal suo paese per un omicidio involontario, vive ora alcolizzato sotto i ponti di Parigi. Un giorno un distinto signore che si dice in debito con Santa Teresa di Lisieux gli offre duecento franchi che Andreas dovrà restituire alla statua della santa nella chiesa di Batignolles. Da quel momento, nell’alcolico mondo flottante di Andreas, avviato alla fine, è un susseguirsi di incontri e piccoli miracoli che gli impediscono di saldare il debito.
P0616 Le avventure del Barone di Munchausen
(The Adventures of Baron Munchausen)
di Terry Gilliam, 1989, Gran Bretagna, Italia, 126 min

Il nobile ufficiale di cavalleria Karl Friedrich Hyeronimus Von Münchausen rievoca le mirabolanti avventure compiute con quattro compagni dotati di capacità straordinarie. Con la loro collaborazione salva una cittadina assediata dai Turchi dopo essere stato, in compagnia di una bambina, sulla luna, dal dio Vulcano nelle viscere della terra ed essere sfuggito a ogni insidia.
P0389 Il Postino
di Michael Radford, Massimo Troisi, 1994, Italia, Francia, Belgio, 113 min

Mario, postino di un’isoletta dell’Italia meridionale dove viene a vivere l’esiliato poeta cileno Pablo Neruda, instaura con lui un’amicizia che lo inizia ai fascinosi segreti della poesia. Anche grazie a ciò, Mario riesce a sposare Beatrice, poi Neruda parte e sembra dimenticarsi dell’amico italiano. Che verrà “pestato” a morte durante un raduno politico e lascerà un figlio di nome Pablito.
P0092 Vanya sulla 42ma strada (Vanya on 42nd Street)
di Louis Malle, 1994, USA, 119 min

Le prove, in un fatiscente teatro di New York, di una compagnia che sta allestendo “Zio Vanja” in versione moderna, diretta da André Gregory. La famiglia del professor Serebrjakov è riunita nella sua tenuta di campagna. Dai piccoli accadimenti quotidiani a una tensione crescente: vengono alla luce antichi rancori mai sopiti, si sfiora la tragedia. Poi tutto si placa, fra serenità e rassegnazione.
P2246 Il Principe di Homburg
di Josef von Sternberg, 1996, Italia, 85 min

Il principe Friederich Arthur von Homburg, ufficiale di cavalleria, lancia in battaglia il suo squadrone prima del tempo convenuto, trasgredendo così agli ordini che gli erano stati dati. Nonostante la vittoria conseguita, l’ufficiale viene condannato a morte. Di fronte alla sentenza capitale, il principe, in preda al terrore, è dapprima aiutato dalla bella Natalia, ma poi rifiuta la grazia.
P0558 Eyes Wide Shut
di Stanley Kubrick, 1999, USA, Gran Bretagna, 159 min

Bill, un medico senza alcuna qualità, entra in crisi quando la moglie Alice gli racconta i suoi sogni di tradimento e quando una sua paziente gli confessa il suo amore davanti al cadavere del padre. Bill si farà tentare da una prostituta, parteciperà ad un festino orgiastico in maschera dove verrà scoperto e per così dire salvato da una donna misteriosa. È la stessa di cui osserva turbato e conturbato il cadavere all’obitorio?
P2245 Il bambino col pigiama a righe
(The Boy in the Striped Pyjamas)
di Mark Herman, 2008, Gran Bretagna, USA, 93 min

Bruno è un ragazzino di 8 anni che vive un’agiata esistenza a Berlino, durante la II guerra mondiale. Suo padre è un alto ufficiale nazista e la guerra e i suoi orrori sono lontani dalla vita del figlio. Le cose però cambiano quando il padre viene trasferito presso il comando di un campo di concentramento, costringendo la famiglia a seguirlo. Bruno non ha idea di che razza di posto sia quello e si abitua a considerarlo come una fattoria, anche se non si spiega come mai tutti indossino quegli strani pigiami a righe. Poi un giorno incontra un bambino come lui, Shmuel, un detenuto del campo di concentramento, con il quale stringe un’amicizia segreta.